Santarcangelo di Romagna

pUNTI DI INTERESSE

● Piazza e Arco Ganganelli ● Grotte tufacee ● Torre del Campanone ● Porta Cervese ● Piazza delle Monache ● Chiesa Collegiata ● Pieve di S. Michele ● Rocca Malatestiana ● Sferisterio ● Fontane di Tonino Guerra: della pigna - prato sospeso - fiori di pietra - delle farfalle ● MUSAS Storico Archeologico - MET Etnografico degli Usi e Costimi della Genti di Romagna - Museo del bottone - Nel mondo di Tonino Guerra ● Stamperia Artigianale Marchi

Contatti

Informazioni

Nota per la sua bellezza e per aver dato i natali a diversi intellettuali e artisti, tra cui poeti e sceneggiatori di fama internazionale, Santarcangelo ha avuto anche un papa: Clemente XIV Ganganelli. Lo ricordano la piazza e alcuni monumenti a lui dedicati.

I primi insediamenti di epoca romana fecero seguito alla fondazione della vicina Ariminum (Rimini) attorno al 268 a.C. La via consolare Emilia, che ancora oggi l’attraversa, ne favorì i commerci e diede l’impulso per la sua trasformazione in centro di scambi e di incontri, caratteristica che non l’ha più abbandonata e che tuttora la fa essere meta di visitatori e turisti.

Nel medioevo l’abitato si ampliò verso il Colle Giove, dove ancora adesso è ben riconoscibile la tipica struttura di borgo fortificato. Un armonioso ed elegante centro storico è dominato dalla Rocca dei Malatesta, che qui governarono a partire dal sec. XIII. Fortificazione già esistente, quella che oggi si può ammirare è il risultato degli ampliamenti ed abbellimenti apportati dai signori di Rimini.

Tra il ‘600 e l’800 il borgo clementino si ampliò mantenendo una buona armonia urbanistica: edifici nobili si affiancarono e integrarono con quelli popolari, generando la Santarcangelo odierna.

Qui l’arte, la cultura, la storia e le tradizioni sono di casa, lo si respira nelle sue piazze, nei suoi suggestivi angoli, nei numerosi locali tipici e nelle molteplici manifestazioni che scandiscono le stagioni, e che con il tempo sono divenute anche attrazioni turistiche.

Ne è riprova il notissimo “Festival Internazionale del Teatro in Piazza” che nel 1971 portò qui, registrandoli ma rielaborandoli, i fermenti culturali di quegli anni e che ha sempre camminato di pari passo con le evoluzioni sociali e culturali internazionali. Allo stesso modo ha saputo attualizzare le sue antiche fiere, aggiornando tradizione e folklore.

Ricca di eccellenze enogastronomiche, Santarcangelo fa parte delle Città del Vino, ma anche delle Città d’Arte dell’Emilia-Romagna e di Cittaslow, rete internazionale delle città del buon vivere.

Foto

Eventi

Vai al calendario

Mappa

Alcuni contenuti o funzionalità qui non sono disponibili a causa delle tue preferenze sui cookie!

Ciò accade perché la funzionalità / i contenuti contrassegnati come “Google Maps” utilizzano i cookie che hai scelto di mantenere disabilitati. Per visualizzare questo contenuto o utilizzare questa funzionalità, abilitare i cookie: click here to open your cookie preferences.

Condividi questa pagina su
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

CHI SIAMO

Il brand territoriale “Salute, viaggiatore” e la sua promozione è una delle azioni a regia diretta del
GAL -GRUPPO DI AZIONE LOCALE VALLI MARECCHIA E CONCA Soc. Cons. a r.l. 

Su questo sito Web utilizziamo strumenti proprietari o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie vengono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici) o per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.